Dibattito: Millennio – Senza intimità [LA2]

In questi giorni si cerca di vendere l'immagine di Internet più pericolosi, e sempre più stanno cercando di demonizzare il supporto dell'immagine di rete esercitare un maggiore controllo su di esso cercando di infondere paura così che persone che non capiscono a tutti che questo è ciò che chiamiamo Internet e come funziona, feedback a beneficio di coloro che hanno capacità e un cosiddetto criterio per decidere di delegare.

Penso che sia un'arma a doppio taglio, ed è che potrebbe essere il miglior alleato se lo usiamo bene, ma per questo abbiamo bisogno di capire che è, e non è. Per caso un paio di giorni fa che un compagno di classe ha inviato a me questo teletrasmesso dibattito.

C'è davvero che la minaccia? Vogliamo davvero cambiare la nostra tutela della privacy?

Anche inesistente protezione e che alla fine, e solo dopo che è accessibile per persone con abbastanza soldi, Se le persone che possono mantenere una certa privacy in alcuni aspetti della sua vita a causa del suo status.

Credo sinceramente che sono semplici misure per rendere le persone che chiedono per il controllo, invece di imporla con la forza, e penso che sia così messi che noi paura nel cyber spazio, Come fino a quattro giorni fa sono stati il terrorismo e la sicurezza nazionale.

Dobbiamo essere molto attenti non dare a questo genere di cose, e di più quando si tratta di libertà, e alcuni di noi ci sarà più difficile per la loro valutazione, perché sono nati con loro e non immaginare di cosa stiamo liberando, e quello che serve per vincere loro. Ma si potrebbero facilmente fare analogie con il mondo fisico… In breve, è molto importante per valutarli e prendersi cura di loro come meritano.

Si ottengono convincere gli utenti di Internet più conservatori?? Vi prometto che a questo proposito ho sentito per dire tutto.

Se si desidera è possibile seguire su Twitter, Facebook, Google + o condividerlo con i pulsanti sotto questa pubblicazione.

Aiutaci a raggiungere più lettori Share on LinkedIn
LinkedIn
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google +
Email this to someone
Posta elettronica

Lasciare una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*