Siate cauti con la fabbricazione dei campioni nelle reti sociali, avresti potuto finire esposta

Circa una settimana fa ho trovato questo video, ora già virale che consiglia di tutti e di ciascuno di voi che si può vedere se non hanno ancora fatto così, tra le notifiche di Facebook con il seguente titolo: Guarda questo video incredibile fino a quando eliminano il Facebook

Questa campagna di sensibilizzazione registrati in Bruxelles (Belgio) Mi è piaciuto dalle webcam nascoste nella “Suppongo Allora cosa succede ad essere il direttore di quello che sembra essere una mafia Cracker al più puro stile Dati Broker ’ s“, la gente capisce meglio che sarà soggetto a collegarlo a qualcosa di noto come un indovino.

Anch'io quando cerco di spiegare a qualcuno che non capisce troppo argomento qualcosa relative all'informatica, Cerco di semplificarla abbastanza, quindi non penso che sto parlando in qualche lingua strana, rompendo il cliché che tutti gli scienziati del computer devono essere una sorta di incrocio tra Sheldon Cooper di “Teoria del Big Bang” e Falete mangiare clips.

Normalmente questo fatti spiegare le cose senza gergo e fare confronti con cose ogni giorno di più per quella persona dal comprendere l'essenza di ciò che vogliamo dire, e insomma, a cui ci riferiamo è più che sufficiente per queste situazioni.

In questa occasione un'immagine (o un insieme di loro in serie in onda in questo caso) vale più di mille parole.

Anche quando si tira la coperta in questo modo provoca una sorta di shock interessato farlo uscire hit del suo “Safe area attendibile” (come i tipici annunci di DGT rilasciato qui in Spagna), e questa reazione psicologica (chiamarlo) a mio parere è un grande impatto che rende di conseguenza il suddetto tornare a casa pensando di cause e seguire rimuginando le prossime ore e forse giorni.

In conclusione, Si tratta di un video che io sono disposto a insegnare anche a mia madre, e spero che nelle prossime settimane o mesi che appaiono più campagne all'altezza di questo per educare la società e quindi a piedi, tutti insieme verso una rete più sicura.

Fino a presto i pedoni!

Se si desidera è possibile seguire su Twitter, Facebook, Google + o condividerlo con i pulsanti sotto questa pubblicazione.

Aiutaci a raggiungere più lettori Share on LinkedIn
LinkedIn
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google +
Email this to someone
Posta elettronica

Lasciare una risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*