Dichiarazione congiunta della rete e gli autori culturali circa il LPI #canonAEDE

DICHIARAZIONE CONGIUNTA DELLA RETE E GLI AUTORI CULTURALI SUL PROGETTO DI RIFORMA DEL DIRITTO DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE.

Il passato 14 Di febbraio 2014 il Consiglio dei ministri ha approvato il progetto di riforma del diritto di proprietà intellettuale (testo pubblicato nella B.O.C.G. il 21 Febbraio).

aedee

Questo disegno di legge, arcaico nella sua concezione, tagliare fuori molti diritti in Spagna, influisce negativamente su ampi settori della società, mette in pericolo la cultura libera e mettere in discussione il funzionamento di internet, limitando la nomina e il collegamento a un'attività puramente commerciale.

Ciò ha provocato un rifiuto unanime e immediato da tutti i settori possibili per motivi che sono sinteticamente quindi.

Utilizzare questo logo come un avatar sui vostri profili in reti, insieme con l'hashtag # #canonAEDE.

1. La protezione della proprietà intellettuale su internet non può essere garantita imponendo tasse arbitrarie o tariffe. Per il bene dell'economia spagnola, deve essere garantita la sostenibilità dei creatori digitale nel suo complesso, non solo di una parte. Un settore è sviluppato attraverso la promozione di nuovi modelli di business digitale anziché distruggerli. Qualsiasi diritto nacque del dialogo tra tutte le parti interessate.

2. Sancisce la costituzione spagnola, nel suo articolo 20, il diritto fondamentale "per comunicare o ricevere liberamente informazioni veritiere con qualsiasi mezzo di diffusione", che dovrebbe combinare con qualsiasi diritto di proprietà., ma mai annullarlo.

3. Inoltre, Questa legge limita altri diritti fondamentali, Essa colpisce i valori democratici essenziali e limitato l'accesso gratuito all'informazione e alla cultura. Ignora la dichiarazione dei diritti dell'uomo, Esso viola il diritto costituzionale alla libertà di espressione e dei diritti di libertà di stabilimento, viola la privacy delle comunicazioni, È un attacco diretto sulla neutralità della rete e non rispetta un diritto individuale base: ciascuno offrono la propria opera alle condizioni che riterrà opportune.

4. La figura del "diritto inalienabile" derivata dalla citazione testi su internet colpiscono senza eccezione a tutti i creativi e li vieterebbe di rinunciare volontariamente tale diritto. Questo metterà seriamente in pericolo le licenze Creative Commons, ampiamente estesa e attualmente offrono copertura legale per una parte molto significativa del contenuto del diritto d'autore di rete. Siamo di fronte a un'imposizione del "copyright" sui sostenitori del "copyleft" per Viola i diritti e interessi collettivi, piuttosto che garantendo loro e bomboniere collezione è concentrata nelle mani di pochi.

5. Lungi dall'essere una minaccia, Aggregatori di notizie e altri strumenti digitali che collegano e citano alla sorgente mezzo, come motore di ricerca, social network o Blog, favoriscono il cittadino libero accesso alle informazioni e generare un ampio traffico ai media. Inoltre, il diritto di nomina di essere l'essenza del giornalismo, Questa legge minaccia frontalmente inseguimento. Criminalizzare link genera un'incertezza giuridica che interroga i fondamenti e l'uso di internet. Garantire loro, rispetto dei diritti, vantaggio di tutti: utenti, strumenti e supporti.

6. Il malato-denominato "Google tasso" è stato guidato solo su un lato del collettivo di redattori, l'AEDE integrato. Altre associazioni e gli editori sono contrari a questa misura. AEDE dovrebbe prendere in considerazione le conseguenze economiche che significano per i loro partner fuori gli indici e le conseguenze disastrose per i dipendenti, come tagli salariali e posti di lavoro. Questo canone della AEDE aumenterà ulteriormente la precarietà di un settore estremamente crisi-sfregiato.

7. L'entrata in vigore di questa legge rappresenta un costo aggiuntivo per la conoscenza. La entidad de Gestión de derechos CEDRO raccoglie attualmente in tutto il sistema educativo professionale. La nuova legge stabilisce che le università pagano anche per gli insegnanti contenuti pubblicazione per studenti, e che fino ad oggi ospita un licenze Creative Commons. Cedar genererà monopolio un barile di 5 € per ogni studente. Consideriamo questo un attacco sull'educazione, ricerca e testi accademici, che esso sarà disciplinata dalle "copyright" invece di essere di pubblico dominio.

8. Questo canone, carico del bilancio generale dello stato e importo non determinato dalla legge, Esso agisce a scapito degli autori giusta ricompensa e si tratta di una sovvenzione di editori segrete, che arte. 2 della direttiva 2001 della proprietà intellettuale non comprende come beneficiari dei diritti di proprietà intellettuale, e che nonostante questo sono il 45% Collezione Cedro. Significativo è che la formulazione della legge si riferisce solo al 'industrie culturali' espressamente ignorando "gli autori", aggravando una situazione che già ha cominciato con la perdita di diritti dei giornalisti in favore di editori facendo "ritagli" (Stampa riepiloghi).

9. "De facto" Elimina il diritto di copia privata, collegamento con la copia del materiale del supporto fisico, pratica è quasi inesistente nell'era digitale. Copia privata di un'opera è un legittimo che esistevano prima di internet, e continuerà ad esistere dopo la riforma. Tassare un barile, copia privata equivale a imporre preventiva multato ogni cittadino ad un ipotetico uso criminale, anche se questo non succede mai. Criminalizzare il consumatore per fini di raccolta fondi non è il modo.

10. Non dovrebbero sostenere misure di controllo di "pirateria" che mettono a repentaglio l'essenza della rete. Opporsi a queste misure non supporta la caricatura del "tutto gratis". È necessario sviluppare un nuovo quadro per la protezione dell'industria culturale che tenga conto delle specificità dell'era digitale e servire per quello che era nato di questo tipo di legislazione: promuovere la pratica della cultura che offre la compensazione finanziaria agli autori.

11. Questa riforma dovrebbe includere misure di accompagnamento che supportano lo sviluppo di nuovi modelli di business Basato su internet, così come il miglioramento di quelli esistenti. Non fatto, Farà male l'innovazione nei settori interessati e trasmetterebbero un modello di distribuzione culturale e accesso alle informazioni chiaramente antiquati.

12. Questa riforma del LPI sembra derivare da un dinamiche di corruzione tra lobby e potere politico, testimonia la recente uscita di amministrazione sui principali quotidiani nazionali e l'entrata in vigore della riforma della legge presentando con una fotografia del Presidente di AEDE prossimo Vice Presidente del governo. Questo mette sotto sospetto e gli altri, Se consideriamo la vicinanza dei processi elettorali.

CONCLUSIONE:

La riforma di questa legge, tale che è stato redatto, Esso è destinato a fallire e vi auguriamo il suo viaggio molto breve, Conviene non perché la realtà né copre le esigenze di settori e attori coinvolti. È un deterrente allo sviluppo della cultura libera e l'industria, inaccettabile in tempi di difficoltà economiche, dove è necessario dare priorità all'innovazione e favorire la nascita di nuovi mercati emergenti, dove Spagna Mostra enormi potenzialità.

Inoltre, contiene numerose ambiguità e incertezze, che un disegno di legge di questa portata non può permettersi, Dal momento che apre le porte a un'applicazione discrezionale e gravi effetti collaterali indesiderati.

Per tutte queste ragioni, Esortiamo il governo a riconsiderare e ritirare questa riforma e aprire la finestra di dialogo che questa affermazione per mesi per fornire le migliori soluzioni per la nuova realtà poste dalla società digitale con tutti i settori interessati.

Allo stesso tempo, Facciamo appello a tutta la società a partecipare, fornire, coinvolgere e diffondere la campagna di rigetto per il #CanonAEDE sia questa dichiarazione e le loro azioni di diffusione, azioni e iniziative.

Se si desidera è possibile seguire su Twitter, Facebook, Google +, LinkedIn, o condividerlo con i pulsanti sotto questa pubblicazione, Se avete domande o suggerimenti, non esitate a commentare.

Aiutaci a raggiungere più lettori Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Lasciare una risposta